.
Annunci online

melamelinda
Rimini ti amo!
28 febbraio 2007
Prima serata del festival (scusate la lunghezza)

In diretta del Teatro Ariston comincia la 57° edizione del Festival di Sanremo, si alza il sipario ed appaiono il palco e l’Orchestra. Rispetto al palco buio dell’anno scorso, si sono fatti grandi progressi, peccato che ci siano ancora pochi fiori. La striscia con lo schermo assomiglia leggermente alla P della Pawerade. Al solo pensiero che un giorno io possa ritrovarmi lì mi commuovo ^_^

Pippo Baudo presenta Michelle Hunziker, che a fatica trattiene le lacrime. Capelli in su, bellissima, indossa un abito lungo dorato con un coprispalle che una volta tolto si trasforma in un fiocco. Peccato che le manchi la voce (peccato diventare afoni proprio la prima serata!), visto che il Festival comincia con la sua interpretazione di Adesso tu di Eros Ramazzotti.


Zero Assoluto
: sono i primi a scendere in campo, la canzone è carina, non troppo simile a quello dello scorso anno (Svegliarsi la mattina), ma si riconosce il loro stile. Peccato per il volume un po’ alto della musica che ha leggermente coperto la voce di Thomas. Appena prima di partire 7 e ½ - 8.


Piero Mazzocchetti
: io la musica classica non l’ascolto moltissimo, ma questa canzone è comunque romantica. Trema un po’ tanto dall’emozione. Schiavo d’amore 7 – 7 ½.


C’è un piccolo break, che però a me è piaciuto tanto, una versione della pubblicità della Wind di Aldo, Giovanni e Giacomo sanremese. Aldo è un cantante in gara, ma negato ^_^


Mariangela
: il testo della canzone è molto carino, ma al limite dell’inedito (“Ninna nanna, ninna ò, questo bimbo a chi lo do...” sembra questa) e la musica mi delude un po’, io l’avrei fatta un po’ più allegra. Ninna nanna 6 e ½.


Breve collegamento con la sala stampa dove si svolgerà il DopoFestival. Davanti ad un bruttissimo sfondo Piero Chiambretti lancia le sue prime battute: alludendo al mega compenso dei presentatori li definisce una Banca Svizzera e l’altro Banco di Sicilia (1 milione di euro lei, 750 mila lui!).


Francesco & Roby Facchinetti
: spero che Francesco non metta più quella maglietta sotto la giacca (la scollatura è brutta, stona con la giacca), un paio di note false ci sono, ma anche l’emozione è tantissima (Francesco si gira pure per asciugarsi le lacrime). Il ritornello assomiglia leggermente ad una canzone di Povia e l’inizio della canzone mi ricorda una canzone degli Negramaro, non dico che è un plagio, ma... Vivere normale 7 e ½.


Antonella Ruggiero
: il testo e la musica sono suoi, è una canzone che parla dei bimbi vittime della guerra, un pensiero nobile, ma io la musica l’avrei fatta un po’ più aggressiva. Canta con i guanti neri ed uno stranissimo anello. Canzone fra le guerre 6.


Pquadro
: Pietro e Piero sono stati degli alunni della scuola di Amici, nonostante non mi siano simpaticissimi, la loro canzone è molto orecchiabile, ma il rap (due piccole parti parlate) è meglio lasciarlo ad altri. Malinconiche sere 8.


Ci sono le prime cinque clip, per far sì che non ci siano più canzoni inedite: Albano (sarebbe meglio cantata da un tenore), Tosca (ma con la sua bellissima voce perché diavolo canta una canzone così!), Velvet (sembra molto carina), Paolo Meneguzzi (non male) e Marcella & Gianni Bella (ascolto troppo breve).


Daniele Silvestri
: la paranza è una barca, ma può anche essere la pesca ed il fritto misto. Io la parolaccia non l’ho sentita, secondo me rischia di diventare un tormentone di quest’estate. Mi piace un casino il granchietto che balla nello schermo ^_^. La paranza 7.


Grandi Animali Marini
: il nome del gruppo lo trovo buffo, ma al primo ascolto la canzone non mi dice niente, sembra nello stile dello Zecchino d’Oro. Napoleone azzurro 6 e ½.


Arriva il momento del comico Antonio Cornacchione, io mi sono divertita, ma non faccio troppi commenti, non vorrei offendere nessuno. Alla fine dell’esibizione Pippo Baudo sembra leggermente preoccupato.


Primo cambio d’abito per la Hunziker, abito bianco che ricorda leggermente Marylin Monroe. Si esibisce con dei bambini cantando (questa volta in playback) la canzone principale del Musical al quale ha partecipato qualche tempo fa. Subito dopo segue un altro cambio d’abito, questa volta rosso, lungo, con una lunghissima sciarpa che fa anche da strascico.

Vengono mostrate altre cinque canzoni: Johnny Dorelli (più classica di così non si può),gli Stadio (sembrerebbe bella), Paolo Rossi (da cabaret), Fabio Concato (non saprei) ed Amalia Grè (per me potrebbe pure rimanere a New York, scusate la cattiveria).


Milva
: il testo è scritto da Giorgio Faletti ed è molto bello (apparte il ritornello), ma bisogna dire che la voce di Milva non mi piace tanto, sembra una di quelle voci che stanno invecchiando (però ha il coraggio di dire la parolaccia). The show must go on 6 – 6 e ½.


Si esibiscono i primi ospiti stranieri di questa edizione, gli Scissor Sister. Piccola curiosità: il loro nome significa letteralmente forbici gemelle, ma in questo caso è il nome di una posizione sessuale. Ovviamente cantano il loro successo I don’t feel like dancing (giusto?), che io ho scoperto grazie a Quelli che il calcio..., cantano dal vivo (cosa che apprezzo molto), mi piace e mi viene voglia di ballare ^_^


Penultimo giro di clip: Fabrizio Moro (so solo che è una canzone che dice ai picciotti di pensare), Fsc (non è malvagia) ed Elsa Lila (tipica canzone sanremese).


Jasmine
: forse qualcuno di voi si ricorda di lei quando cantava con i Sottotono, quando avevo 12 anni mi ha fatto un autografo, è la figlioccia di Renato Zero, adoro i suoi capelli afro ^_^, nello schermo ci sono degli strani ballerini psichedelici, mi piace il ritornello. La vita subito 7.


Ultime clip: Romina Falconi (ha proprio una bella voce), Patrizio Baù (coincidenza, è nato qui a Fribourg), Sara Galimbreti (una milinga, ballo simile al tango) e Pier Cortese (carina).


Simone Cristicchi
: se le sue canzoni parlano spesso di matti, è perché ha fatto il servizio civile in un manicomio. Ha un bel testo e si sente il suo stile. Ti regalerò una rosa 7.


Marco Baroni
: questo giovane fa tre mestieri (operatore ecologico, commesso in un negozio di dischi e cantante), per la canzone non saprei che dire, magari mi piacerà di più con il tempo. L’immagine che ho di te 6 e ½ - 7.


Nada
: sembra cattivo dirlo, ma è invecchiata (ma infondo basta stare bene con se stessi). Alla sua ultima partecipazione, che sarà stata nel 1999, diceva “spaccami le ossa”, bhé diciamo che da allora non mostra la dolcezza. Comunque ai miei piace questa canzone, mah... Luna in piena 6.


Ultimo cambio d’abito per la Hunziker, abito lungo bianco, stretto, spalle scoperte, con un motivo a fiori sulla gonna e degli “strappi” nei lati.

Ed è ora che arriva una grande ospite, Norah Jones. Comincia tutto con un simpatico duetto al pianoforte di una canzoncina per pianisti debuttanti. Non è un’artista che adoro, ma riconosco che ha una gran classe. C’è giusto un piccolo inceppo sul finale, un piccolo problema tecnico nell’ultimo ritornello e alla richiesta di Baudo di rifare giusto il finale per rendere giustizia alla canzone, lei risponde no e se ne va. Spero per lei che la traduzione non sia stata fatta bene, perché sennò vorrebbe dire tutta sta classe non ha.

Arriva il momento di ringraziare la regione Liguria, con la solita cartolina con una penna che disegna la regione (sempre la stessa!).


Stefano Centomo
: devo ammettere che ho un debole per questo ragazzo, ha degli occhi azzurri bellissimi. La sua canzone è più bella quando prende un po’ di ritmo. Bivio 7 e ½.


Mango
: senza dubbio si sente il suo stile. Chissà se nevica 7.


Khorakanè
: per un attimo pensavo che avessero uno stile tipo gli Archinuè (Sanremo 2002), visto l’ora (00:20) è stata una buona scelta quella di metterla alla fine della serata, ha un buon ritmo che impedisce di addomentarsi. La ballata di Gino 6 e ½.


Leda Battisti
: cugina di terzo grado di Lucio Battisti (a questo punto io potrei definirmi cugina di quinto grado di Paolo Conte, comodo no?), per una volta non è vestita da zingara, trucco e parrucco buoni, mi piacciono molto i suoi orecchini ed è ben vestita. Però, parlando di musica... mah... la voce... Senza me ti pentirai 6 e ½.


I giovani che passano il turno sono: Marco Baroni, Stefano Centomo (che sembra un po’ il cocco di Baudo), Jasmine (pensavo si stesse ammazzando, invece ha fatto una capriola) ed i Pquadro.




permalink | inviato da il 28/2/2007 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Grafica by Gemelle_Glitter/



IL CANNOCCHIALE